Sinergia e diversificazione
Data di aggiornamento: 30/04/2019
 
Il NAV del fondo Principia si è apprezzato del 2,79% durante il mese di Aprile. I mercati azionari Europei continuano a recuperare guidati da positivi utili aziendali e da una tacita sicurezza per cui i tassi non saliranno nel corso del 2019.
La performance nel corso del mese di Aprile è stata generata dai nomi lunghi nel portafoglio. Delivery Hero, in particolare, ha performato molto bene nel corso del mese. La società è leader nel settore, in forte crescita, della distribuzione di cibo, con una posizione molto forte in diversi mercati incluso il middle East. La progressione dei ricavi è stata molto dinamica, nonostante vi siano state delle preoccupazioni circa il timing di una reale profittabilità. All’inizio dell’anno il management ha indicato che avrebbero aumentato gli investimenti nel marketing e nel tariffario in modo da guidare la crescita. Dopo la correzione nel prezzo dell’azione, abbiamo parlato con il management e ci siamo convinti che l’extra spesa avrebbe avuto un buon rendimento in cambio. I recenti risultati hanno superato le attese e le preoccupazioni circa l’uso delle cassa sono scemate. Vediamo la società ben posizionata per crescere nel medio termine. Inoltre, la cessione di attività che hanno un posizionamento di mercato più debole e il consolidamento dell’industria dovrebbe aiutare a consolidare la posizione dell’azienda nei mercati core. Altre posizioni lunghe profittevoli sono state Voestalpine e Heidelbergcement.
I detrattori dalla performance sono derivati primariamente dalle coperture via indici così come da qualche single short. Il basket di piccole aziende che usiamo come copertura, è infatti salito con il mercato nel corso del mese. Guardando ai singoli nomi, Dialog Semiconductor ha avuto l’impatto maggiore. Dopo la ristrutturazione societaria ci attendavamo che la crescita fosse più lenta, soprattutto nel contesto di un mercato più difficile per gli smartphone. Ciò si è dimostrato purtroppo non corretto, con volumi di vendita superiori alle attese. Da allora abbiamo ridotto l’esposizione corta.
Data la forte accelerazione del mercato azionario, trovare idee non coperte sul lato lungo sta diventando più difficile. La recente discesa della volatilità, così come altri indicatori di sentiment, suggeriscono che i mercati si sono normalizzati in termini di aspettative. Le parole “recessione” o “hard landing” non son più citate nella stampa finanziaria, a testimonianza di un sentiment più ottimistico. In concomitanza con il peggioramento del rapporto rischio rendimento sul mercato, abbiamo deciso di uscire completamente dalle posizioni lunghe su small caps. Abbiamo anche cominciato ad aggiungere nomi singoli sul lato corto, al fine di posizionare il fondo per proteggere il NAV qualora dovesse palesarsi una correzione.