Sinergia e diversificazione
Data di aggiornamento: 28/09/2018
Il fondo Principia ha perso il 5,56% durante il mese di settembre, mentre l’indice europeo è rimasto sostanzialmente fermo. La sottoperformance può essere spiegata da una combinazione di eventi specifici legati a singoli titoli in portafoglio e dalla rotazione settoriale di mercato.
Nel mese, contributi positivi sono derivati da diverse posizioni lunghe e dalle nostre posizioni corte su indici di mercato che utilizziamo per fini di copertura. In relazione ai singoli nomi lunghi, Veoneeer, che è uno spin-off di Autoliv, è una società che fornisce prodotti di elettronica per la sicurezza automobilistica e software specifici per esempio sistemi radar, sistemi di frenaggio, visione notturna e sistemi di ritenuta (cintura). Abbiamo incontrato il management della società a Stoccolma e iniziato una posizione lunga. Crediamo che i target di crescita organica saranno raggiunti senza problemi dato il forte posizionamento di mercato dell’azienda tra i sistemi di sicurezza (ADAS, controllo dei freni) e la sua abilità nel guadagnare quote di mercato in un ambiente che sta velocemente convergendo anche verso le automobili elettriche e la guida autonoma. Crediamo che le guidance 2020 potranno essere upgradate e creare cosi’ nuovo upside per il prezzo dell’azione.
Un altro contributo positivo è stato generato da GTT, una società francese che si occupa del trasporto via nave di LNG (gas naturale liquido). La società possiede e sviluppa diverse tecnologie che consentono il trasporto e la conservazione di LNG. La loro membrana proprietaria è usata dagli armatori per costruire le navi cisterna che trasportano LNG. Dall’inizio dell’anno, GTT si è assicurata un elevato numero di ordini e il corrente backlog indica che la crescita rimarrà sostenuta nel medio termine. Continuiamo a detenere le azioni considerato il significativo livello di upside che vediamo nei prossimi due anni.
Il maggior contributo negativo è anch’esso derivato dalla parte lunga di portafoglio. Vogliamo sottolineare Altran Technologies, di cui abbiamo già scritto in precedenza. La società è leader nell’outsourcing di R&D per un ampio range di settori. In considerazione della elevata domanda di innovazione, il mercato dell’outsourcing di R&D è cresciuto a un tasso sostenuto anche in circostanze di debolezza economica. Altran ha riportato i risultati del primo semestre alla fine di Agosto. Mentre la performance operativa è stata in linea con le aspettative di mercato, la generazione di cassa è stata molto debole. Dopo un ulteriore meeting con il management, non siamo stati completamente soddisfatti dalle risposte e abbiamo deciso di chiudere la posizione.
Il NAV è stato impattato anche da Ambu, una società med-tech danese occupata nel mercato degli endoscopi.  Dopo una forte performance YTD, il mercato è diventato sempre più scettico sul passaggio ad una strumentazione a uso singolo e rispetto al potenziale aumento della competizione. A causa delle elevate valutazioni l’azione ha performato molto male nel mese di settembre. Rimaniamo convinti che il passaggio alla strumentazione a uso singolo sia valida considerato l’altrimenti alto rischio di contaminazione, e crediamo che Ambu sia ben posizionata per aumentare la sua posizione nel segmento gastro-intestinale. Assumendo una quota di mercato nel medio termine del 5% nella colonscopia, pensiamo che ci sia un upside vicino al 100% su un orizzonte di due anni.
Il drawdown inusuale di settembre è il risultato di diversi eventi riguardanti specifici titoli che si sono materializzati nello stesso momento. La rotazione settoriale fuori dai ciclici ha impattato inoltre le posizioni lunghe nel settore tecnologico e nel settore automotive. Ad oggi crediamo che l’upside medio delle posizioni lunghe sia sopra il 40%, il che è sempre stato un buon indicatore nel passato. La nostra strategia rimane la medesima, continuiamo a cercare interessanti opportunità di investimento in singole aziende nel nostro universo.